Archivi categoria: dieta dei funghi

A dieta con i funghi champignon

Come già detto, i funghi in generale e tra questi ovviamente gli champignon, i funghi prataioli coltivati, sono un alimento a basso contenuto calorico che quindi si presta bene anche per le diete dimagranti oltre che alla realizzazione di gustose ricette ipocaloriche.
Nel ricettario che allego alle diete per i miei pazienti ho inserito 3 ricette a base di funghi (risotto ai funghi, crostini con funghi e sugo di funghi) che sono solo uno spunto dal quale partire per preparare altre gustose pietanze.

Mi ha fatto quindi piacere sapere che l’Unione Europea ha finanziato la “Festa nazionale del Fungo Champignon” : i fungicoltori organizzano ogni anno – quest’ anno si e svolta dal 23 febbraio al 2 marzo 2008 – diversi appuntamenti gratuiti e iniziative aperte a tutti, dalle visite alle coltivazioni alle offerte speciali di prodotto, dagli assaggi nelle aziende produttrici con consigli per cucinare gli champignons e ricette, alla Festa nei ristoranti con piatti studiati dagli chef a base di Champignon d’Europa, dagli incontri nelle scuole alle lezioni dei produttori.
Tra i funghi in effetti gli champignon, facili da trovare, pulire e preparare, si prestano a dare un tocco in pi ad ogni piatto.
Chi poi ha l’opportunita di poterli coltivare pu￲ disporre di un alimento gustoso e nutriente senza correre rischi di intossicazioni . L’aroma del prataiolo │ᄄ dovuto ad un alcol a 8 atomi di carbonio che si forma per degradazione enzimatica dell’acido linoleico, un acido grasso essenziale per l’uomo presente nel fungo in quantit¢ᅠ non elevate ma importanti per una corretta nutrizione.
I funghi,fatti di acqua per circa il 90% del peso fresco, hanno alcuni pregi non indifferenti: oltre ad apportare poche calorie (20 kcal ogni 100 g), sono praticamente privi di grassi ed hanno un contenuto in proteine notevolmente superiore sia come quantit¢ᅠ che qualit¢ᅠ agli altri alimenti di origine vegetale.
I funghi prataioli sono una buona fonte di 2 aminoacidi essenziali: lisina e triptofano che sono notoriamente carenti nei cereali (quindi benissimo una pasta con i funghi!) e di di vitamine del gruppo B (di origine batterica, assunta dal terreno di coltivazione – composto stallatico – pu￲ essere presente nei tessuti fungini in quantit¢ legate allo stadio di sviluppo del fungo e/o del ciclo di fruttificazione.
La presenza tra queste della vitamina B12, essenziale per il trofismo del tessuto nervoso e la maturazione dei globuli rossi, pu￲ essere soddisfatto con un parco consumo di funghi prataioli, aiutando chi segue una dieta vegana cio│ per i vegetariani stretti che escludono dalla loro alimentazione anche il latte e le uova.
Detto tutto questo per￲, attenzione alla quantit¢ᅠ di condimento aggiunto!

Nel prossimo post proporr￲ una ricetta a base di funghi prataioli – champignon.

Crostini ai funghi

I funghi come detto sono fatti di acqua per circa il 90% del peso fresco ed hanno alcune qualit¢ non indifferenti: apportano poche calorie (20 kcal ogni 100 g), sono praticamente privi di grassi ed hanno un contenuto in proteine, superiore sia come quantit¢ che qualit¢ agli altri alimenti di origine vegetale. Tra queste la vitamina B12 aiuta in particolare i vegetariani stretti che escludono dalla loro alimentazione anche il latte e le uova. Personalmente li utilizzo anche nelle ricette che allego alle diete dimagranti.
Ne riporto una di seguito come esempio (Con le dosi indicative per una dieta ipocalorica per una donna adulta che ha un livello di attivit¢ᅠ fisica moderato).

Crostini ai funghi

Ingredienti:
– pane comune g 100
– funghi secchi q.b.
– latte magro, sale iodato e erba cipollina q.b.
– mezzo spicchio di aglio
– 1 cucchiaio di farina
– 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva

Mettere i funghi secchi in ammollo con un po’ di acqua tiepida (10 minuti circa).
Intanto affettare ed arrostire il pane (nel tostapane o sotto il grill).
In una casseruola far appassire l’aglio con il latte magro, poi unire l’erba cipollina ed i funghi sgocciolati e strizzati (conservare l’acqua d’ammollo dei funghi).
Cuocere i funghi aggiungendo, se necessario, un po’ dell’acqua d ammollo dei funghi facendo attenzione a non prendere il fondo se │ terroso.
Quasi a fine cottura aggiungere la farina, facendo attenzione che non si formino grumi (in tal caso si pu￲ rimediare frullando il composto con un frullatore ad immersione) e continuare a mescolare finch│ questa si addensa formando una specie di besciamella.
A cottura terminata, se previsto, aggiungere l’olio.
A questo piatto devono essere abbinati una porzione di verdura + g 100 di carne magra o g 60 di prosciutto magro.

Dimagrire con funghi secchi

Dimagrire con funghi secchi  è possibile, vediamo perché.Secondo alcune ricerche i funghi, se tenuti al sole, oltre ad essere fonte di vitamina D utile alle ossa, sono anche un ottimo aiuto per dimagrire.
I funghi infatti sono poveri di calorie (circa 26 per 100 grammi di prodotto) e ricchi di fibre (circa 2 grammi e mezzo per 100 grammi di prodotto), pertanto aiutano in una dieta per il controllo del peso ed in tutte quelle situazioni dove l’apporto di fibra richiesto deve essere importante.

Cucinare funghi secchi, di qualunque specie commestibile, non solo i costosi porcini per intendersi (cucinandoli non perdono il loro prezioso contenuto di vitamina D)  quindi, oltre che piacevole, puo aiutare a mantenersi in forma ed in salute.
Fonti:

Funghi, al sole per 60 minuti diventano integratori di vitamina D (e fanno dimagrire)

The Vitamin D Solution: A 3-Step Strategy to Cure Our Most Common Health Problems di  Michael F. Holick