Archivi categoria: Uncategorized

Dieta mediterranea,Dieta personalizzata,dieta a zona

Una breve presentazione che ho tenuto ad alcune mie colleghe a margine della nota trasmissione “Porta a Porta” condotta da Bruno Vespa e dedicata alle diete.
Considerata la lunghezza della puntata ed il prestigio degli ospiti ci ritorner￲ su questa puntata con un post ad hoc. Per i meno esperti, per scorrere le slides della presentazione cliccate sulle freccine per andare avanti o indietro.

Come mantenere il peso forma in Ferie quarta parte : pranzo al ristorante

Durante le vacanze può capitare spesso di mangiare in ALBERGO O AL RISTORANTE.
Ecco come regolarsi per non eccedere e non compromettere la nostra dieta estiva.
Intanto è  bene cercare di scegliere le pietanze più semplici. In linea generale ricordarsi che se si mangia del pane è bene non eccedere con la pasta o i crostini.
Come antipasto: evitare quelli con salse o maionesi e, se gradito, preferire: prosciutto e melone, o insalata di pesce (da condire con poco olio e limone), o carpaccio di bresaola o verdure grigliate…. Continua la lettura di Come mantenere il peso forma in Ferie quarta parte : pranzo al ristorante

La dieta mediterranea ci protegge

Un gruppo di ricercatori e professori universitari di Firenze ha fatto una revisione sistematica degli studi che hanno analizzato la relazione tra l’adozione della dieta mediterranea e l’incidenza e la mortalit¢ᅠ dovuta a malattie croniche .

Gli studi presi in analisi hanno interessato in tutto 1.574.299 soggetti che sono stati seguiti per un tempo minimo di 3 anni e massimo di 18 anni. Questa analisi evidenzia che seguire la dieta mediterranea porta un significativo miglioramento dello stato di salute in generale.

Le statistiche evidenziano una riduzione del 9% dei decessiᅠ totali, del 9% di quelli per malattie cardiovascolari, del 13% dell’incidenza di patologie come Parkinson e Alzheimer e del 6% dell’incidenza di tumori.

Questo risultato, che sembra essere rilevante per la salute pubblica, per prevenire le principali malattie croniche, mi spinger￲ᅠ ancora di pi ad insistere con i miei pazienti affinch│ seguano le indicazioni della dieta mediterranea ! .

Per chi volesse approfondire, il testo integrale dell’articolo, (in inglese) è disponibile online.

Dieta e acqua tante false credenze

Quante false credenze sull’acqua e la dieta.

Molte volte mi viene chiesto se l’acqua gassata fa ingrassare o se bere durante i pasti fa male o se bere troppo non faccia trattenere liquidi, o se l’acqua del rubinetto vada bene.

Supportata dalle Linee Guida dell’INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione) posso affermare che bere acqua in linea di principio fa sempre bene. Infatti le stesse linee guida dicono che:

1. Non │ vero che l’acqua vada bevuta al di fuori dei pasti. Al limite, se si eccede nella quantit¢ si allungheranno di un poco i tempi della digestione, ma un’adeguata quantit¢ di acqua favorisce i processi digestivi.

2. Non │ vero che l’acqua faccia ingrassare. L’acqua non contiene calorie, e l’aumento di peso dopo aver bevuto │ dovuto solo al peso dell’acqua che sta dentro di noi, che pesa solo finch│ non viene espulsa

3. Non │ vero che bere molta acqua provochi maggiore ritenzione idrica. La ritenzione idrica dipende pi dal sale e da altre sostanze contenute nei cibi che consumiamo che dalla quantit¢ di acqua che ingeriamo.

7. Non │ vero che l’acqua gasata faccia male. N│ l’acqua naturalmente gasata n│ quella addizionata con gas (normalmente anidride carbonica) creano problemi alla nostra salute. Solo quando la quantit¢ di gas │ molto elevata si possono avere lievi problemi in individui che gi¢ soffrano di disturbi gastrici e/o intestinali.

8. Non │ vero che le saune facciano dimagrire. Le saune fanno semplicemente eliminare sudore. Lo stesso organismo provveder¢ a reintegrare prontamente le perdite, cosi che nell’arco di poche ore il peso torner¢ ad essere esattamente quello di prima.

Per chi avesse voglia di leggere in modo pi approfondito notizie certe sull’acqua e la dieta consultare il sito dell’INRAN.

Foto di Gaetan Lee